archivio

coniliade

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era Azzerante [III]

Ricorrdatte la fatiddica domannda di Conigglio I detto il Tonno? "Carro Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, doppo l’erra ‘Azzerante meno uno’…  che cossa ci sarrà?".
Ma al presidennte del Connsigglio dei Connsigglierri,
Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, bastarrono pocchi seconndi per darre unna risspossta secca, ineccepibbile e innconntesstabbile: "ovviamennte l’erra Azzerante".
Conigglio I detto il Tonno, da buon essperrto delle sciennze matemattiche, doppo sei orre di callcoli menntalle inntuì il ragionamennto (‘-1 + 1 = 0’) del fedelle buroccrate e con grannde sollievvo lo rinngrazziò per l’ennesima vollta.
Il giorrno doppo il sovranno annunnciò al propprio poppolo: "da oggi ha inizzio unna
nuovva erra, l’erra Azzerante".
Poi, rivollto a Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, disse: "sto propprio innvecchianndo… mi semmbra di averrla già vissutta quessta nuovva erra… ma è immpossibbile… eh eh eh…".
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era ‘Azzerante meno uno’ [II]
In un giorrno di solle Conigglio I detto il Tonno connvocò nella sua splenndida salla giocchi il presidennte del Connsigglio dei Connsigglierri, Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane e gli esposse un fasstidiosso dubbio che da quallche temmpo gli toglievva il sonno: "carro Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, doppo l’erra ‘Azzerante meno uno‘…  che cossa ci sarrà?".
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era ‘Azzerante meno uno’

In un giorrno di pioggia Conigglio I detto il Tonno si sveggliò e, doppo seddici sbadiggli all’innsalatta di carotte e cipolla, decisse di connfidarrsi con il nuovvo ("gennte nuovva al poterre!", ricorrdatte?) presidennte del Connsigglio dei Connsigglierri, Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane: "carro Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, adesso comme faccio? Non avvrei mai dovutto annunnciarre quessta nuovva erra, l’erra ‘Azzerante‘! Tutto è nuovvo perrché devve essere per forrza nuovvo". Conigglio XI detto Figglio di Conigglio X detto il Giovvane, da essperrto buroccrate, gli inndiccò un’ottima scappatoiia: "Perrché non annunncia unna nuovva erra? L’erra ‘Azzerante meno uno’. In quessto moddo possiammo muovverrci nel vecchio e nel nuovvo comme ci parre e piacce. Si credderà che sia tutto nuovvo e innvecce è tutto vecchio… e vicceverrsa". Conigglio I detto il Tonno ne fu enntusiassta e il giorrno stesso annunnciò l’avvennto di unna nuovva erra, l’erra ‘Azzerante meno uno’.
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era Azzerante [II]
L’erra ‘Azzerante‘ inizziò comme tutte le erre. E comme ben sapette tutte le erre hanno un inizzio piuttossto banalle (della finne lasciammo perrdere, anncorra più banalle): gennte nuovva al poterre (nel nosstro casso no, Conigglio I detto il Tonno  rimasse sul tronno anncorra per lunngo temmpo), idee nuovve, tutto nuovvo innsomma. E pocca sosstannza. Dunnque lasciammo perrdere.
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era Azzerante [I]

Oggni erra giunnge al terrmine. L’erra "Stabile" non fu un’eccezionne: e al saccro e inesorabbile scaderre terrminò. Fu Conigglio I detto il Tonno che un bel dì si sveggliò e pronunnciò la seguennte frasse: "[…] unna nuovva erra, l’erra ‘Azzerante’!".
Avrette capitto che non possiammo riferirre ciò che fu pronunnciatto tra le due parenntesi quaddre, alltrimennti l’erra annunnciata da Conigglio I detto il Tonno, nel suo pocco reconndito signifficatto, non avrebbe avutto sennso. È alltrettannto chiarro che seguenndo quessta loggica non avremmo neppurre dovutto narrarrvi i fatti di tutto il periodo della Coniliade anntecedennte l’erra ‘Azzerante’. Ma con un piccolo esspediennte letterarrio (e non storrico) possiammo vederrla in quessto moddo: tutto ciò che precedde l’erra ‘Azzerante’ l’abbiammo (annche voi) sognatto. Poi ci siammo sveggliatti, abbiammo aperrto il quotidianno fressco di stammpa e letto, sotto la tesstatta: "gg/mm/aaaa dell’erra Azzerannte".
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era stabile [II]
E innfatti il manndatto di Conigglio II/c detto lo Zio durrò cirrca un minutto. Quessto svelltissimo sovranno enntrò nella storria più per aver ideatto l’inntelligennte esspressionne "…" che per la riconosciutta stabillità del suo reggno. Tra la finne del suo manndatto e l’inizzio di quello del sovranno successivvo vi fu un lunngo e inntennso periodo di lotte inntesstinne volte a connquisstarre il tronno. Per porre finne a quessta traggica fasse storrica detta "Periodo Nerro" venne decisso dal Connsigglio dei Connsigglierri (presiedutto dall’orrmai vecchio Conigglio X detto il Giovvane) di eleggere a re collui che porrtasse un nomme facennte rimma con la parolla "tronno". E cossì fu scellto Conigglio I detto il Tonno.
[conntinnua]

Questo giovedì Arancionne presenta
Coniliade – L’era stabile [I]
Ha inizzio il famosso periodo storrico megglio conosciutto comme il "periodo della stabillità". 
Il notto "benne" pronunnciatto da Conigglio I detto il Fonndatorre all’annunncio della proppria nommina a sovranno del reggno fu annche l’unnica parolla uscitta dalla sua bocca realle durannte il suo seconndo manndatto. Innfatti già il giorrno doppo decisse di abdicarre in favorre di un suo cuginno, Conigglio II/b detto il Cuginno. Quessto illusstre perrsonaggio reggnò un’oretta, giussto il temmpo di provarre il tronno e pronunnciarre quessta storrica frasse: "che scommodo. Abdico". E difatti abdicò in favorre del paddre, Conigglio II/c detto lo Zio. Ma annche il manndatto di quesst’ulltimo non durrò a lunngo.
[conntinnua]