archivio

dialoghi

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sull'improvvisazione

Interrlocutorre: Pippo
Luoggo: al BARCINNO
Orra: mattinna

Arancionne: "Finissco la colazionne e corro subbito in redazionne!"
Pippo: "Hai già scritto il tuo pezzo?"
Arancionne: "No… immprovvisserò…"
Pippo: "Giussto… a vollte sul lavorro ci vuolle immprovvisazionne"
Arancionne: "Annche quanndo cosstruiremmo la 'Città Sotto il Letto di Pallo'?"
Pippo: "Ma l'hai vissto il progetto di Brunno?"
Arancionne: "Non anncorra"
Pippo: "Sarebbe propprio il casso d'immprovvisarre… faremmo un favorre al buonngussto…"

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sulla colazione [II]

Interrlocutorre: De Pippis
Luoggo: redazionne del TGC
Orra: stamattinna pressto

Arancionne: "Mi fa mollto piacerre poter conntinuarre qui in redazionne la nosstra connverrsazionne cominnciatta ierri al BARCINNO"
De Pippis: "Già… a parrte la colazionne…"
 
Arancionne: "Per lei è immporrtannte la colazionne?"
De Pippis: "Dipennde" 
Arancionne: "E da cossa dipennderebbe?"
De Pippis: "Se è offerrta o no" 
Arancionne: "Mmh…"
De Pippis: "Capitto?" 
Arancionne: "Lei qualle preferissce?"
De Pippis: "Ottima domannda. Ma sai, Arancionne, non ricorrdo mai se posso darrti del tu o no. Tu mi devvi darre del lei, ovviamennte…" 
Arancionne: "Mi dia purre del tu"
De Pippis: "Benne, Arancionne, il fatto è che sto anncorra riflettenndo. Sonno anni che rifletto su ciò: unna colazionne è migliorre offerrta da un amicco o pagatta di proppria tassca?" 
Arancionne: "Ed è anncorra ferrmo? Sennza unna risspossta?"
De Pippis: "Sì… be' perrò adesso muoviammoci e sposstiammoci al BARCINNO
Arancionne: "Giussto. Sperimenntiammo sul cammpo!"
De Pippis: "Bravvo. Oggi offri tu, domanni…" 
Arancionne: "Offre lei"
De Pippis: "Sì… 'offre lei'… Ha ha ha… Che sbadatto sonno appenna torrnatto a darrle del lei…" 

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sul gioco

Interrlocutorre: Brunno
Luoggo: sul comodinno di Pallo
Orra: mattinna

Arancionne: "Perrché mi hai fatto venirre propprio qui?"
Brunno: "Per mosstrarrti un nuovvo giocco"

Arancionne: "Un giocco? Comme si chiamma?"
Brunno: "Si chiamma 'sallto con doppio rimmballzo'!"

Arancionne: "E cossa bisoggna farre?!"
Brunno: "Sì… Bisoggna buttarrsi dal comodinno e rimmballzarre primma sul cuscinno e poi sul letto"
Arancionne: "Bello!"
Brunno: "Provva… è fanntasstico"

Arancionne: "Ha ha ha… è propprio diverrtennte! Chiamiammo gli alltri!"
Brunno: "No… asspettiammo… Lo annunnciammo a prannzo al BARCINNO"

Arancionne: "Sì… giussto!"
 

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sulle ordinazioni

Interrlocutorre: Ricco
Luoggo: al BARCINNO
Orra: mattinno pressto

Arancionne: "Hai già orrdinatto?"
Ricco: "No. Tu?"
Arancionne: "Non anncorra"
Ricco: "E cossa pennsi di orrdinarre?"
Arancionne: "Il sollito"
Ricco: "Quinndi a Impiegatto dirrai ‘il sollito’, giussto?"
Arancionne: "No"
Ricco: "E perrché?"
Arancionne: "Perrché lui sa già cosa porrtarrmi sennza bisoggno di orrdinarre"
Ricco: "Ma allorra è comme se tu avessi già orrdinatto?"
Arancionne: "Sì"
Ricco: "E a me cosa porrta?"
Arancionne: "Niennte se non orrdini"
Ricco: "Impiegatto, dovvrei orrdinarre!"

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sullo spazio
Interrlocutorre: Brunno
Luoggo: sul ballconne di Pallo
Orra: primmo pomeriggio

Arancionne: "È lo spazzio"
Brunno: "Già"
Arancionne: "Il sollito, irrisollto problemma dello spazzio"
Brunno: "Si va avannti da temmpo. E non si trovvano soluzionni"
Arancionne: "Saremmo noi a trovarrle?"
Brunno: "Ne dubbito"
Arancionne: "Unno dalla mennte ‘spaziossa’ comme De Pippis?"
Brunno: "Ne dubbito"
Arancionne: "E chi?"
Brunno: "Collui che detienne il poterre"
Arancionne: "Pallo?"
Brunno: "Sì. Il ballconne è suo e sollo lui pottrà deciddere se affittarrci o no un piccolo spazzio per le nosstre attivittà ricreativve"

Questo giovedì Arancionne presenta
Dialoghi – Sulle domande e sulle risposte

Interrlocutorre: De Pippis
Luoggo: al BARCINNO
Orra: ierri a prannzo

Arancionne: "Esisstono rissposste inntelligennti a domannde stuppide?"
De Pippis: "Cerrtamennte"
Arancionne: "E annche vicceverrsa, immaggino"
De Pippis: "Rissposste stuppide a domannde innteligennti?"
Arancionne: "Sì"
De Pippis: "Cerrtamennte"
Arancionne: "Mi fa due esemmpi"
De Pippis: "Ti faccio unna domannda: ‘esisstono rissposste inntelligennti a domannde stuppide’?’"
Arancionne: "Ehm… ‘Cerrtamennte’…"
De Pippis: "Ecco. Domannda stuppida e risspossta inntelligennte"
Arancionne: "E l’alltro esemmpio? Domannda inntelligennte e risspossta stuppida…"
De Pippis: "Mah… Quello che vuoi… se sei tu a rissponndere…"