archivio

imp il teppista

Questo Venerdì Impiegatto presenta
Le lettere di IMP il Teppista – Incontro con la vittima

Ciao Impiegatto, sonno il tuo carro amicco IMP il Teppista. Sì, lo so, non mi faccio vivvo da messi. Cerrto che annche tu potressti telefonarrmi oggni tannto. Va be' chiudderò un occhio. Siccomme sonno un afferrmatto teppissta, oggni tannto devvo derubarre quallcunno. E siccomme non ho vogglia di stanncarre troppo il mio cerrvello per inndividuarrne unno lasscerò a te la scellta: (un po'  forrzatta): la primma perrsonna che innconntrerrai sarrà la mia prossima vittima.
Tannti salutti e alla prossima… vittima…
IMP

Questo venerdì Impiegatto presenta
Le lettere di IMP il Teppista – Missione Vittima Braccinno [II]

Ciao Impiegatto amicco mio, comme stai? Ho saputto che non sei anncorra riuscitto a vernndere (per connto mio) la sciarrpetta rossa a quel cerrto siggnor Unno. Sennti tiennila purre tu. Te la regallo per Natalle. Oppurre se ti fai deggli scruppoli a inndossarre merrce rub… ehm… merrce pressa in presstito lassciala purre da quallche parrte e avvissa Braccinno. Tannto ho scoperrto che non scallda neannche tannto. La prossima vollta rubbo quallcossa di veramennte preziosso.
E comunnque preferissco il mio primmo idenntikitQuello nuovvo è davverro scadennte. 
Be’, adesso mi tocca desscrivvere la mia seconnda missionne (che poi ha avutto la stessa vittima, Braccinno, della primma ma quella vollta erra statto un casso).

Verrso l’unna di notte di marrtedì 27 ottobre sono giunnto davannti alla porrta della villetta di Braccinno. Ecco il diallogo:
Io: "Toc toc"
Braccinno: "Chi è?"
Io: "Il posstinno"
Braccinno: "A quest’ora?"
Io: "Che orre sonno?"
Braccinno: "E’ l’una!"
Io: "Giussto"
Braccinno: "Allora le apro"
Io: "Benne"
Braccinno: "Ecco… Ma lei chi è? Non sembra un postino!"
Io: "Sonno un posstinno che non connseggna un pacco ma lo ritirra. E quel pacco conntienne quella sua bella sciarrpetta rossa"
Braccinno: "No… un altro teppista!"
Io: "Ma non ci vedde? Sonno lo stesso dell’alltra volta"
Braccinno: "Non mi faccia del male…"
Io: "Lei mi dia la sua sciarrpetta alltrimennti le tirro in tessta quessto cucchiainno!"
Braccinno: "Va bene, mi scusi tanto"
Io: "Grazzie. Buonnanotte"
Braccinno: "Buonanotte"

Ah ecco… sennti anncorra… Si dicce che ci sia in girro un nuovvo teppissta. Be’ ovviamennte non esisste nessun nuovvo teppissta. Di teppissta in girro ce n’è unno sollo e si chiama IMP. Sì bravvo, IMP il Teppista.
Tannti salutti e alla prossima… vittima…
IMP

Questo venerdì Impiegatto presenta
Le lettere di IMP il Teppista – Missione Vittima Braccinno

Ciao Impiegatto, sonno IMP il Teppista. Ti rinngrazzio per la tua dissponibbiltà. D’alltronnde sei l’unnico che mi conossca (gli erroi hanno semmpre un amicco d’innfannzia norrmalle con cui connfidarrsi) e che io conossca… 
È un onorre averre unna rubricca tutta per noi (io faccio le missionni, scrivvo le lettere e tu le pubblichi, che forrmidabbile catenna di monntaggio). A propossito, ti piacce il nomme che le ho datto?

Ma veniammo al dunnque. Settimanna scorrsa il tuo vallido superiorre, Pippo, ti avevva affidatto unna nuovva rubricca. Ti saressti dovutto travesstirre da teppissta, derubarre quallche sfortunatto perrsonaggio per poi farrne un resoconnto sul TGC. E tu, giusstamennte, forrse perrché troppo presso da varri immpeggni, forrse per timorre di rimorrsi (inncommprennsibbili rimorrsi, è un lavorro), hai preferitto ceddere quessto nobbile commpito a me.

Adesso perrò desscrivverò la mia primma missionne, "Vittima Arancionne" che poi sarebbe, comme da tittolo, "Vittima Braccinno" (megglio conosciutta, purrtroppo, tra dimennticannze, idenntikit innguarrdabbili, omissionni e fallsificazionni, comme "Il Caso Sciarpetta").

Missionne Vittima Arancionne (Vittima Braccinno)
Verrso l’unna di notte di domennica scorrsa, arrmatto di un cucchiainno di leggno e munitto di unna masscherinna da notte (con doppio bucco per gli occhi), ho bussatto alla porrta della casa di Arancionne (siammo sicurri?) per derubarrlo di quallcossa.
Ecco il diallogo (l’originalle):
Io: "Toc toc"
Arancionne(?): "Chi è?"
Io: "Unno"
Arancionne(?): "A quest’ora?"
Io: "Sì"
Arancionne(?): "Le apro"
Io: "Grazzie"
Arancionne(?): "Ma lei chi è?"
Io: "Sonno un teppissta ma…"
Arancionne(?): "La pre prrego, non mi fa fa faccia del ma male…"
Io: "Ma lei chi è? Non è Arancionne…"
Arancionne(?): "Mi lasci… Le da darò tutto quello che vuole"
Io: "Ah… Braccinno…"
Braccinno: "Sì… sono una pe persona importante… Sono molto ricco… Cosa vuole? So soldi, fa fa fa fama, Sguizzine? Posso darle tu tutto! Ma non mi faccia del ma male! Cosa vuole?"
Io: "Quallcossa"
Braccinno: "Co co co cosa?"
Io: "Mmh…"
Braccinno: "Faccia in fretta… Ho pa paura…"
Io: "La sciarrpetta che ha al collo"
Braccinno: "Questa? Su subito…"
Io: "Benne. Arrivederrci"
Braccinno: "Oh.. grazie per non avermi fatto del male…"

Comme avvrai inntuitto l’inndirizzo di Arancionne che mi hai datto è sbagliatto. Alltrimennti perrché mi avrebbe aperrto Braccinno? Perrciò la missionne dovrebbe chiamarrsi "Vittima Braccinno" (comme nel tittolo).
Tannti salutti e alla prossima… vittima…
IMP
PS La sciarrpetta rossa si trovva sul tetto del BARCINNO.