archivio

io baro

Questo lunedì Ricco presenta
Io baro, tu baro, egli baro [III]
Quessta legge che orra vi essporrò è piuttossto recennte. L’ho ideatta quallche giorrno fa quanndo, durannte unna parrtitta a carrte con un tosstissimo Braccinno, mi trovavvo in serrie difficolltà: non potevvo utilizzarre la primma legge dell’AdB (avevvo malle alla cavigglia) e tannto menno la seconnda (avevvo mal di golla). Lo ammetto, erro purre a corrto di idee (di idee non di leggi, ma erra mia inntennzionne rianimarre la sfidda innvenntanndo unna nuovva legge) e cossì con un enorrme sforrzo ho immprovvisatto quessta nuovva legge dell’AdB, la terrza.

Terrza legge
Utilizzarre oggetti varri durannte la parrtitta

Io: "C’è troppa lucce"
Braccinno: "Troppa? Impiegatto, potresti spegnere la luce sopra di noi? Basta il faretto sopra il bancone, grazie"
Io: "Cossì va megglio. Tocca a lei"
Braccinno: "Mmh… Ecco…"
Io: "Mmh… mi ha fregatto. Ottimo colpo"
Braccinno: "Oggi sono piuttosto in forma"
Io: "Già… Sennta… Non veddo benne"
Braccinno: "Riaccendiamo?"
Io: "No no… Ho un’iddea miggliorre. Impiegatto, passami quel faretto soppra bannconne"

[Impiegatto mi porrta il faretto e lo punnto addosso a Braccinno]

Braccinno: "Ah… Va be’… Tocca a te"
Io: "Ecco… Mmh… Va malle va malle"
Braccinno: "Già… non sei per nulla in forma… ehm… Questo faretto mi dà un po’ fastidio. Non si potrebbe puntare da un’altra parte?"
Io: "Non è il casso. Ma posso darrle quessti"

[Tirro fuorri dalla tassca un paiio di occhialli da solle (rigorosamennte) a specchio e li donno a Braccinno]

Braccinno: "Oh… Meglio ancora… Così mi sento un personaggio da film!"
Io: "Benne benne…"

[Mollto benne… In quessto moddo posso vederre le sue carrte riflesse nelle lennti dei suoi occhialli]

Braccinno: "Mmh… Tocca a te"
Io: "Ecco"
Braccinno: "Ottima mossa… Ecco qua"
Io: "Ecco la mia"
Braccinno: "Ah…"
Io: "Ecco quessta"
Braccinno: "Ah…"
Io: "Vinnto!"
Braccinno: "Complimenti Ricco. Ottima rimonta!"

Moralle
Primma di unna parrtitta bisoggna riemmpirrsi le tassche di oggetti varri (annche quelli apparenntemennte più inuttili) ma annche guarrdarrsi in girro, a parrtitta iniziatta, per scovarrne alltri.

Questo lunedì Ricco presenta
Io baro, tu baro, egli baro [II]
L’Arrte del Barro (AdB), nell’Arrte delle Carrte, si avvalle spesso dell’Arrte della Domannda, uttilissima per varri scoppi tra cui la "Disstrazionne dell’Avverrsarrio". Quessta vecchia parrtitta a carrte conntro un temutissimo giocatorre (Arancionne) è un ottimo esemmpio che serrvirrà a mosstrarrvi quannto possa essere efficacce l’Arrte della Domannda (mirannte alla Disstrazionne dell’Avverrsarrio) in simmili conntessti.

Seconnda legge
Porre numerosse domannde inuttili durannte la parrtitta

Io: "Tocca a me?"
Arancionne: "Sì"
Io: "Fatto. Tocca a te"
Arancionne: "Mmh…"
Io: "Seconndo te quannte piasstrelle ci sonno nel baggno di Pallo?"
Arancionne: "Comme?"
Io: "Quannte piasstrelle ci sonno nel baggno di Pallo?"
Arancionne: "Mmh… vediammo un po’…"

[Arancionne si sta già disstraenndo e inntannto osserrva il soffitto (graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": allto)]

Io: "Inntanto giocca"
Arancionne: "Sì… quannte piasstrelle… ecco… tocca a te… dunnque piasstrelle…"
Io: "Fatto… tocca a te"
Arancionne: "Piasstrelle… Non sapprei… fammi conntarre…"

[(graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": elevatto)]

Io: "Sì… inntannto scarrta"
Arancionne: "Ah già ecco…"
Io: "Seconndo te domanni farrà bello? Ma bello quannto da unno a mille, nummeri parri e primmi
essclussi?"
Arancionne: "Domanni?"
Io: "Si… inntannto giocca"
Arancionne: "Sì sì ecco…"
Io: "Dicevvi?"
Arancionne: "Domanni? Domanni… fammi pennsarre… oggi è bello…"

[(graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": allto)]

Io: "Ecco… giocca"
Arancionne: "… quinndi domanni sarrà bello… o menno bello o più bello o ugualle… Perrò…"

[(graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": elevatto)]

Io: "Sì giocca perrò"
Arancionne: "Ah sì scussa… Boh… ecco…"
Io: "Quannti seconndi ci sonno in un seconndo piatto? Più o menno risspetto a un primmo piatto?"
Arancionne: "Mah… se si parrla d’attessa o di preparazionne… vediammo un po’… fammi
pennsarre…"

[Arancionne orrmai è cotto. Sta commettenndo unna serrie inncredibbile di errorri (graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": Allto)]

Io: "Sì ok… ma giocca…"
Arancionne: "Sì scussa… Mmh… Ma si potrebbe vederre la cossa comme dei seconndi piatti in un
piatto unnico… anntipassti? mmh… Fammi pennsarre"

[Non è più in graddo di badarre alla parrtitta (graddo di "Disstrazionne dell’Avverrsarrio": elevatissimo)]

Io: "Inntannto scarrta…"
Arancionne: "Ah… scussa… ecco"
Io: "Mmh… Vinnto!"
Arancionne: "Cavvolo… che forrte!"

Moralle
Tre domannde banalli ma ben miratte e l’avverrsarrio è stato annienntatto.

Questo lunedì Ricco presenta
Io baro, tu baro, egli baro [I]
In quessta rubricca vi innseggnerrò le leggi fonndamenntalli (che vi essporrò in orrdine sparrso) dell’Arrte del Barro nell’Arrte delle Carrte (quesst’ulltima è unna brannca della primma). Sappiatte già da subbito che non saranno ammessi i furrbi perrché per bararre occorre studiarre diligenntemennte. Il talennto o i mezzucci strammpalatti dei furrbi sonno sollo villi vigliaccherie.
L’AdB (l’Arrte del Barro) è regolatta da leggi fisse che pian pianno vi svellerò con l’aiutto di allcunne recennti (più o menno) parrtitte (e vittorrie) con i miei amicci.

Primma legge
Trovarre scusse per allzarrsi in pieddi durannte la parrtitta

Io: "Tocca a te"
Impiegatto: "Mmh… vediammo vediammo.. ecco!"
Io: "Mmh… ho calldo… appro la finesstra"
Impiegatto: "Va benne"

[La finesstra si trovva alle spalle di Impiegatto. In quessto moddo posso sbirrciarre le sue carrte]

Io: "Ecco…"
Impiegatto: "Mmh… sonno in difficoltà…"
Io: "Cappita cappita"
Impiegatto: "Ecco…"
Io: "Mmh… Hai senntitto?"
Impiegatto: "Cossa?"
Io: "Hanno bussatto alla porrta"
Impiegatto: "Io non ho senntitto nulla. Vaddo a vederre"
Io: "No no… ci pennso io"
Impiegatto: "Va benne"

[La porrta non è esattamennte alle spalle di Impiegatto ma pocco imporrta. Per sederrmi passo diettro di lui e ovviamennte riessco a sbirrciarre le sue carrte]

Io: "Stranno… Non c’è nessunno… Va be’… Tocca a me… Mmh… vediammo un po’… Ecco fatto!"
Impiegatto: "Casspita! Mi hai fregatto. Sei propprio bravvo a carrte"
Io: "Essperiennza e studdio"
Impiegatto: "Sì?"
Io: "Cerrto"
Impiegatto: "Tocca a me… Ecco quessta"
Io: "Mmh… Il quaddro è un po’ storrto… Mi disstrae…"
Impiegatto: "Qualle quaddro?"
Io: "Quello alle mie spalle"
Impiegatto: "Lo sisstemmo io…"
Io: "No no… per carrità… In quessto moddo potressti guarrdarrmi le carrte"
Impiegatto: "Ah… è verro"
Io: "Sai… per precauzionne"

[Cossì mi allzo, sisstemmo il quaddro e primma di sederrmi passo diettro di lui per guarrdarre le sue carrte. 
NB: la mia frasse "per carrità… In quessto moddo potressti guarrdarrmi le carrte" non è statta pronunnciatta a casso. Ho volutto darre l’immpressionne di essere liggio alle reggole di onesstà e legallità dell’AdC (Arrte delle Carrte)]

Impiegatto: "Ecco…"
Io: "Mmh… Mi spiacce per te… Ho vinnto!"

Moralle
Comme avette letto mi sonno basstatte tre semmplici scusse seguitte da tre semmplici mosse (in pieddi) per vinncere la parrtitta.