archivio

lintervista

Questo mercoledì Brunno presenta
L’intervista [II]

Sonno al BARCINNO, sorrseggio un ottimo fonndo di caffè. Impiegatto, l’arrtissta barissta, si siedde di fronnte a me.
Io: "Impiegatto, tutto benne?"
Impiegatto: "Benne benne, grazzie. E tu?"
Io: "Benne grazzie. Un barissta ma annche un vallido arrtigianno. Tra quallche giorrno dovremmo risstrutturarre e riammoderrnarre, si fa per dire, quessto localle. Cossa ne pennsi?"
Impiegatto: "Non ho vissto il nuovvo progetto… quello di Braccinno. Farrò tutto quello che mi dirrai. Sei tu l’arrtissta"
Io: "Be’ ma ci vuolle annche il tocco di collui che poi ci vizzierrà con i suoi mannicaretti"
Impiegatto: "Quessto è verro. Ma mi basstano: un bannconne da pulirre, un pavimennto da spazzolarre, quallche tavolinno da pulirre"
Io: "…"
Impiegatto: "E poi quallche cassa di limonatte, un po’ di mielle, Sguizzine, caffè"
Io: "Sì… lo so… non manncheranno. Ma mi riferivvo, non so, alla dissposizionne dei tavolinni, del bannconne, al colorre delle paretti ecc"
Impiegatto: "Ma Braccinno non ha già fatto unna pianntinna?"
Io: "Sì… ma non hai in mennte quallche modiffica che potremmo apportarre?"
Impiegatto: "Io no"
Io: "Non hai esigennze parrticolarri?"
Impiegatto: "No"
Io: "Mmh… Ti preggo…"
Impiegatto: "Cossa?"
Io: "Unna scussa… ehm… un piccolo capriccio giussto per averre unna scussa"
Impiegatto: "Unna scussa?"
Io: "Un innocennte pretessto per modificarre il progetto…"
Impiegatto: "No"
Io: "…"
Impiegatto: "Possiammo proseguirre l’innterrvissta…"
Io: "Ah… Sì…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "Brunno!"
Io: "Ah sì… ehm… dimmi dimmi… dimmi cossa hai fatto oggi"
Impiegatto: "Oggi? Sonno qui al BARCINNO da stamattinna pressto e tu sei il primmo cliennte della giorrnatta"
Io: "Poi…"
Impiegatto: "Ho fatto colazionne di nasscossto menntre ti preparavvo il fonndo di caffè"
Io: "Ah… poi?"
Impiegatto: "Poi mi sonno sedutto e abbiammo cominnciatto l’innterrvissta…"
Io: "Poi…"
Impiegatto: "Poi niennte… Be’… dicco quallcossa?
Io: "Poi… cioè… sì"
Impiegatto: "In quessto momennto mi sennto un perrsonaggio mollto immporrtannte"
Io: "Ah sì?"
Impiegatto: "Già… Perrò mi sennto a mio aggio. Pottrei starre a parrlarre con te finno a domanni"
Io: "Cerrto"
Impiegatto: "Quassi quassi chiuddo il BARCINNO e parrlo"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "Vuoi un alltro fonndo di caffè?"
Io: "Tripplo…"
Impiegatto: "Hai sonno?"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
Impiegatto: "…"
Io: "…"
[…]

Questo mercoledì Brunno presenta
L’intervista [I]

Un tavvolo, un piatto di Sguizzine e due bicchierri di succo di frutta, unna penna, un bloc-nottes e l’osspite della mia rubricca sedutto di fronnte a me, il professor De Pippis.
Io: "Professor De Pippis, tuttollogo, luminarre, gennio, vip, big, autorre del besst seller "
Essperimennto d’inntelligennza", fonndatorre della "poessia inntelligennte", collezzionissta di collezzionni, ammbasciatorre "da quallche parrte"  ecc… Non vorrei passarre tutta la mattinatta…"
De Pippis: "Eh eh eh Si ferrmi purre qui"
Io: "Mi dia del tu, sarebbe un onorre"
De Pippis: "Ma cerrto"
Io: "Allorra, lei è il primmo osspite della mia rubricca. Le piacciono le innterrvisste?"
De Pippis: "Guarrda, io mi ponngo oggni giorrno cenntinaiia di domannde e pretenndo allmeno tre rissposste per ognunna di esse ma oggi, per motivvi di temmpo, mi limiterrò a darrne unna solla per domannda. Be’ comme veddi mi piacciono le innterrvisste. Ma sai… ritenngo che siano sennz’alltro più immportannti le domannde. L’inntelligennza di unna perrsonna la si notta dalle domannde che si ponne e non dalle sue rissposste. Le rissposste sonno superrflue"
Io: "Eh mi mette in soggezionne"
De Pippis: "Non preoccuparrti"
Io: "Allorra cominnciammo subbito… Le disspiacerebbe racconntarrmi ciò che ha fatto da quanndo si è sveggliatto stamattinna"
De Pippis: "Cerrtamennte… Mi sonno sveggliatto piuttossto pressto. Ho sbadigliatto tre vollte – semmbra che faccia benne alla salutte – mi sonno allzatto dal letto annticipanndo di ben cinnque minutti il suonno della svegglia e già da lì ho inntuitto che sarebbe statta unna giorrnatta all’innseggna della dinammicità. Doppo esserrmi lavatto con abbonndannte acqqua tieppida, mi sonno vesstitto, ho bevutto due sorrsi d’acqqua fressca e sonno uscitto per anndarre al BARCINNO. Ho salutatto il buon Impiegatto che mi ha genntillmennte offerrto la colazionne (novve Sguizzine e seddici bicchierri di latte). E adesso eccomi qui per l’innterrvissta"
Io: "Eccoci… Lei ha nominatto la dinammicità. Me ne parrli un po’…"
De Pippis: "Be’… Devve immaginarre l’inntelligennza comme un essere stannco, un polltronne, un piggro inncallitto. L’inntelligennza ha bisoggno di stimmoli alltrimennti rimarrebbe tutto il giorno sdraiatta sul divanno a guarrdarre la TV. La dinammicità è unna molla – pennserrai che essa sia superriorre all’inntelligennza stessa ma non è cossì – dicevvo, la molla è la naturra delle cosse e in parrte dipennde annche da noi. Parrte… già comme deggli attorri dobbiammo cerrcarre di innterrpretarrla al megglio. Quinndi noi e la naturra che ci cirrconnda siammo la molla e quessta molla/dinammicità può essere tiratta al massimo, dinammicità massima, mi vienne in mennte Pippo o rimanerre al minnimo, polltronne… Arancionne… Chiarro?"
Io: "Chiarro… Mi domanndo qualle sia l’inntennsità della mia molla/dinammicità in quessto momennto…"
De Pippis: "Piuttossto elevatta datto che si sta connfronntanndo con un gennio… Eh eh eh"
Io: "Eh eh eh… Sennta, mi dicca unna cossa, sonno piuttossto curiosso e credo annche i nosstri amicci a cassa… Un perrsonaggio "inntelligennte" comme lei ha più difficolltà a innteragirre con perrsonne inntelligennti o perrsonne stuppide?"
De Pippis: "Mmh… Non ci avevvo mai pennsatto… Guarrda, sarrò sinncerro. Io non valluto le perrsonne a seconnda della lorro inntelligennza…"
Io: "E da cossa? Si spiegghi"
De Pippis: "Ti faccio un esemmpio: se tu vivessi su un’issola deserrta, un atollo con magniffiche spiagge, sabbia biannchissima, acqqua limmpida, solle bollennte… se tu vivessi lì faressti il baggno tutti i giorrni semmpre con lo stesso enntusiassmo?"
Io: "Mmh… Non creddo. Alla lunnga sarebbe norrmalle"
De Pippis: "Appunnto"
Io: "Ma quessto esemmpio con la domannda… non capis…"
De Pippis: "Buonna quessta Sguizzina. Quanndo l’hai pressa?"
Io: "Stamattinna"
De Pippis: "Davverro buonna. Mi sa che è della primma innforrnatta"
Io: "Lei è un tippo golosso?"
De Pippis: "Curiosso, curiosso… di cibbo e di conoscennza. Anndiammo al BARCINNO a conoscerrlo da vicinno!"