archivio

storielle della buonanotte

Questa domenica il TGC presenta
Cosa stanno combinando? – Ore 14.02

Pippo: Sorseggia un fondo di caffè al BARCINNO
Ricco: Gioca a carte con Brunno, Arancionne e Braccinno al BARCINNO
Arancionne: Gioca a carte con Ricco, Brunno e Braccinno al BARCINNO
Brunno: Gioca a carte con Ricco, Brunno e Braccinno al BARCINNO 
Impiegatto: Riposa dietro il bancone del BARCINNO 
De Pippis: È
fuori città alla conferenza "Niente vs. nulla"
Braccinno: Gioca a carte con Brunno, Ricco e Arancione al BARCINNO
Sguiz: Dorme a casa sua 

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – La lettera
C’erra unna vollta il conigglio A. Un bel dì, irritatto dal commporrtamennto del propprio vicinno di cassa, presse carrta e penna e gli scrisse la seguennte lettera:
<<< Carro siggnor Vicinno di Cassa, le sarrei davverro gratto se la smettesse di marrtellarre il suo murro ogni domennica mattinna. La preggherei di utilizzarre un trappano. È mollto più prattico e silennziosso. Grazzie
Il suo vicinno di cassa (ma che casso, propprio comme lei!) A >>>

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Basta?
C’erra unna vollta il conigglio A
E adesso?
Adesso non lo so
Comme?
Non lo so. Sarrà in girro da quallche parrte
In girro? E cossa starrà facenndo?
Non lo so. Io sonno rimassto a "c’erra unna vollta il conigglio A"!
Conntinnua anncorra un po’. Allmenno la frasse successivva!
La successivva?

‘E adesso?’
Ma non valle. Quello l’ho detto io!
Ma l’ho scritto io
Già… è verro. Quinndi quella doppo anncorra sarebbe ‘adesso non lo so’?
Già
E quella doppo? ‘Comme?’?

E poi?
Basta
Basta?
Sì, basta

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Il salto più lungo
C’erra unna vollta il conigglio A. Inndisscusso cammpionne monndialle di sallto in allto, in lunngo e con l’assta, unna bella mattinna di primmaverra parrteccipò a unna manifesstazionne sporrtivva di bammbinni umanni.
Il giorrno doppo mollò tutto e parrtì per le issole del Sud.

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Povero A
C’erra unna vollta il conigglio A. A si ritenevva il conigglio più sforrtunatto del monndo. E lo inntuì il famosso giorrno della rapinna. Erra in codda alla cassa per verrsarre i suoi misseri rissparrmi. Poi immprovvisamennte senntì urlarre alle sue spalle. Un rapinatorre arrmatto di basstonne inntimavva i presennti: ‘"datemi tutti i vostri soldi!". A non esittò a rivollgerrsi al mallvivennte:
"signorre, le proponngo un affarre"
"un affare? A me? Ha ha ha"
"mi asscollti"
"sentiammo"
"se lei, raccogglienndo tutti i solldi deggli alltri, non arrivva a 10.000 allorra le cedderò annche i miei"
"e perché?"
"cossì"
"mmh… va bene ma facciamo 100"
"5.000"
"500"
"1.000"
"va bene"
Il rapinatorre raccollse i solldi dei clennti e li conntò: "990, 993, 997, 998, 999… ha ha ha… 999!".

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della buonanotte –  A e a

C’erra unna vollta il conigglio a…
‘a’? Misnusscolo? Sei sicurro? Ma quessta risschia di essere unna rivoluzionne?
Perrché?
Sei passatto dal maiusscolo al minusscolo?
Be’, cossa c’è di cossì tannto stranno?
Non cappita tutti i giorrni unna cossa del gennere. Hai creatto un precedennte.
Se è sollo per quessto allorra ti dicco che l’ho creatto appossta… e mollto volenntierri.
Non ci creddo e poi non mi semmbra propprio il casso di usarre quessto tonno. Ti ho sollo fatto notarre che hai utilizzatto unna lettera minusscola innvecce di unna maiusscola. Pennsavvo l’avessi fatto per sbagglio. Tutto qui.
Sì allora ti dicco che mi sonno sbagliatto e ho creatto un precedennte.
Ma allorra comme si può sisstemarre quessta faccennda?
Non lo so. Quallcossa mi verrà in mennte nei prossimi giorrni. Nel frattemmpo il nosstro pubblico se ne sarrà dimennticatto.
Ha ha ha… giussto giussto.
Ma sennti…
Dimmi.
Tu chi sei?
Sonno A.