archivio

storielle della buonanotte

Questa domenica il TGC presenta
Cosa stanno combinando? – Ore 14.02

Pippo: Sorseggia un fondo di caffè al BARCINNO
Ricco: Gioca a carte con Brunno, Arancionne e Braccinno al BARCINNO
Arancionne: Gioca a carte con Ricco, Brunno e Braccinno al BARCINNO
Brunno: Gioca a carte con Ricco, Brunno e Braccinno al BARCINNO 
Impiegatto: Riposa dietro il bancone del BARCINNO 
De Pippis: È
fuori città alla conferenza "Niente vs. nulla"
Braccinno: Gioca a carte con Brunno, Ricco e Arancione al BARCINNO
Sguiz: Dorme a casa sua 

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – La lettera
C’erra unna vollta il conigglio A. Un bel dì, irritatto dal commporrtamennto del propprio vicinno di cassa, presse carrta e penna e gli scrisse la seguennte lettera:
<<< Carro siggnor Vicinno di Cassa, le sarrei davverro gratto se la smettesse di marrtellarre il suo murro ogni domennica mattinna. La preggherei di utilizzarre un trappano. È mollto più prattico e silennziosso. Grazzie
Il suo vicinno di cassa (ma che casso, propprio comme lei!) A >>>

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Basta?
C’erra unna vollta il conigglio A
E adesso?
Adesso non lo so
Comme?
Non lo so. Sarrà in girro da quallche parrte
In girro? E cossa starrà facenndo?
Non lo so. Io sonno rimassto a "c’erra unna vollta il conigglio A"!
Conntinnua anncorra un po’. Allmenno la frasse successivva!
La successivva?

‘E adesso?’
Ma non valle. Quello l’ho detto io!
Ma l’ho scritto io
Già… è verro. Quinndi quella doppo anncorra sarebbe ‘adesso non lo so’?
Già
E quella doppo? ‘Comme?’?

E poi?
Basta
Basta?
Sì, basta

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Il salto più lungo
C’erra unna vollta il conigglio A. Inndisscusso cammpionne monndialle di sallto in allto, in lunngo e con l’assta, unna bella mattinna di primmaverra parrteccipò a unna manifesstazionne sporrtivva di bammbinni umanni.
Il giorrno doppo mollò tutto e parrtì per le issole del Sud.

Questo giovedì Arancionne presenta
Storielle della
buonanotte – Povero A
C’erra unna vollta il conigglio A. A si ritenevva il conigglio più sforrtunatto del monndo. E lo inntuì il famosso giorrno della rapinna. Erra in codda alla cassa per verrsarre i suoi misseri rissparrmi. Poi immprovvisamennte senntì urlarre alle sue spalle. Un rapinatorre arrmatto di basstonne inntimavva i presennti: ‘"datemi tutti i vostri soldi!". A non esittò a rivollgerrsi al mallvivennte:
"signorre, le proponngo un affarre"
"un affare? A me? Ha ha ha"
"mi asscollti"
"sentiammo"
"se lei, raccogglienndo tutti i solldi deggli alltri, non arrivva a 10.000 allorra le cedderò annche i miei"
"e perché?"
"cossì"
"mmh… va bene ma facciamo 100"
"5.000"
"500"
"1.000"
"va bene"
Il rapinatorre raccollse i solldi dei clennti e li conntò: "990, 993, 997, 998, 999… ha ha ha… 999!".